Volti e luoghi del mio stare a "mezza altezza"…

La mia prima esperienza di relazione con la famiglia diocesana dell’Ac ed in particolare con l’equipe giovani fu al mio primo campo diocesano. Eravamo a Grottaminarda ed era un campo per giovani e responsabili. Quel campo per me fu una rivelazione! Fui accolto da un gruppo di giovani proveniente da vari angoli della diocesi, che ormai si conoscevano da tempo e si volevano un gran bene, un bene che pur nelle difficoltà e nelle differenze, scaturiva dalla gioia e dalla bellezza dello stare insieme in Associazione e dal sentirsi “insieme” figli di Dio e fratelli nella fede.

Al campo iniziai a sentire forte il mio senso di appartenenza all’Ac, a “ sentire - come dice una omonima canzone di Gaber a me molto cara – gli altri dentro di sè ” e non sarebbe passato molto tempo prima che a questa mia nuova coscienza associativa venisse chiesto un atto di partecipazione.

Fu proprio alla fine di quel campo che Elena Pieretti, la vice giovani di allora, mi chiese se me la sentissi di entrare a “far parte” dell’equipe diocesana del settore giovani…Io dissi subito sì…!!!

Nell’equipe giovani ci sono entrato poco prima che compissi 18 anni e ne esco, dopo dodici anni, ad un passo dell’essere un trentenne. Ho passato tutto il mio tempo di giovane di Ac in equipe, una esperienza che ha reso il mio percorso in associazione, ma anche la mia stessa vita, davvero eccezionale!

Oggi posso dire con tranquillità che è stato davvero uno dei doni più belli con cui Dio ha voluto mostrarmi la sua presenza nella mia vita…

Tanti gli amici, migliaia i volti, infinite le storie e i sogni che in questi anni si sono intrecciate con la mia vita, tra queste le vite dei giovani che con me in questi anni hanno fatto parte dell’equipe ma non solo…

È innegabile che alcuni hanno un posto speciale nella mia vita. Fratelli con cui in alcuni momenti si è davvero condiviso tutto! Ma ciò che me li rende davvero cari e che più di tutto ci ha unito, sono state la nostra voglia di stare insieme e di fare dell’Ac e della Chiesa un posto bello ed accogliente, ed il nostro “sogno” di rendere il mondo, o almeno quel fazzoletto di terra su cui Dio ha deciso di farci nascere, un luogo più giusto, più a “misura di Dio”, un mondo che fa delle persone il suo principale interesse e non che pone “le persone di interesse” al centro di tutte le scelte. Giovani “a mezza altezza”, come piace dire a me, quell’altezza dove è possibile “essere nel mondo ma non del mondo”, pieni di quella speranza sorella della fede, che ci ha spinti insieme a “Pensare, Progettare e Pregare” che Dio realizzasse i sogni che ha messo nei nostri cuori. Sempre pronti a sentirci “…offesi da chi distrugge un entusiasmo, dalla stupidità, dall’omertà, dai sondaggi che non comprendono il nostro parere, da chi pensa che parlare oggi di Amore sia sottinteso o superfluo, dalle donne che non ridono, dagli uomini che non piangono, dai bambini che non giocano, dagli adulti e dai vecchi che non insegnano, consapevoli che quanto abbiamo da dire dobbiamo dirlo adesso senza aspettare che ci sia un momento più conveniente per parlare…”

Alla fine di questo lungo mandato di servizio associativo sento ancora l’esigenza di dire grazie a Dio per avervi avuto come compagni di vita, ringraziandovi per il bene che mi avete donato, per aver scelto di condividere con me i vostri sogni, le vostre speranze, per aver scelto di seguire le mie, per aver lasciato che vi accompagnassi, a volte che vi guidassi, ma soprattutto per aver lasciato che vi seguissi…Ed ora mi raccomando, non scendiamo dalla nostra mezza altezza, ma anzi andiamo su… “Fino in Cima”…

di Salvatore Compagnone

Stampa articolo
    

1 Commento

  1. Mario scrive:

    Una storia tutta da seguire. Il nostro passato di AC è anche lui… nella storia c’entra anche Salvatore, come recitava uno slogan di adesione. Ancora più fiero di essere un tesserato di questa bella associazione; a cui hanno fatto parte Armida Barelli, Frassati, Aldo Moro, ecc…pezzi della nostra storia non solo associativa. E ora tra questi per averlo conosciuto posso metterci anche Salvatore Compagnone

Lascia un Commento

Copyright © 2011 AversaGiovani.it · Tutti i diritti riservati
basato sul tema fashionpro · Powered by WordPress